A metà di una dieta non cali più ? Ecco perché

(GUARDA IL VIDEO O LEGGI L’ARTICOLO)



A metà di una dieta non cali più ? Ecco perché

Uno dei momenti più frustranti della perdita di peso è L’inevitabile effetto Plateau.

Quando tutto sembra procedere per il meglio, ad un tratto, senza alcun motivo apparente, l’ago della bilancia smette discendere.

Questi momenti di stasi dei progressi sono frustranti, ma una volta che ne conoscete la causa e perseverate nel cammino intrapreso, vedrete che il peso riprenderà a calare.

Quando riduciamo apporto calorico, L’ organismo reagisce come se il cibo avesse smesso di arrivare, e quindi fa quello che è programmato a fare: cerca di conservare il più possibile le calorie accumulate, rallentando il ritmo al quale le consuma.

Di conseguenza il metabolismo basale (e cioè le calorie che bruciamo ogni giorno per garantire le funzioni vitali) scende leggermente.
Il calo non è significativo (al massimo può arrivare al 10%) ma è sufficiente a far rallentare o arrestare la perdita di peso.

Il metabolismo basale, tuttavia, dipende dalla struttura corporea ed è responsabile di gran parte del nostro dispendio calorico giornaliero; di conseguenza, è normale che scendendo il peso corporeo il metabolismo rallenti. In altre parole, quando perdiamo peso diminuisce anche il nostro fabbisogno calorico.

Per continuare a perdere peso allo stesso ritmo di prima, le scelte sono due: o si diminuisce ulteriormente l’apporto di calorie, o si comincia a fare più esercizio fisico.

In caso contrario, non ci resta che accettare una perdita di peso sempre più lenta man mano che ci avviciniamo al nostro obiettivo.

Ecco alcune considerazioni da tenere a mente quando incappate nel temuto effetto:

–  Annotate su un diario alimentare le calorie che assumete;
Di solito quando si inizia una dieta si è molto scrupolosi, e si pesa meticolosamente qualsiasi cosa si metta in bocca, ma col tempo si tende a rilassarsi un po’.

Intensificate l’attività fisica, in particolare l’allenamento della forza;
Lo sviluppo muscolare fa aumentare il metabolismo basale; se già facevate esercizio e non aumentate l’intensità degli esercizi, c’è il rischio che non bruciate tante calorie come prima.
Aggiungete qualche nuovo movimento alla vostra routine degli esercizi, aumentate di intensità e fate un po’ di pesi.

Per non superare i limiti di assunzione calorica, provate a rimpiazzare uno o due pasti con un sostituto del pasto (ad esempio un frullato preparato con una quantità prestabilita di latte vaccino o latte di soia) , un prodotto proteico in polvere e della frutta; il tutto rende il conteggio delle calorie semplice e chiaro.

Per un certo periodo può essere utile prendere il sostituto del pasto due volte al giorno, e fare un terzo pasto sano, più qualche spuntino a base di cibi con proteine e grassi, frutta e verdura.

Considerate anche l’eventualità che abbiate già raggiunto il vostro peso ideale.
Se vi è possibile, fate il calcolo della composizione corporea con una bilancia chiamata Tanita; i muscoli sono più densi ed occupano meno spazio del grasso, perciò se avete più muscoli rispetto alla media, è possibile che pesiate più di quanto vi aspettiate. Se il vostro grasso corporeo rientra nei valori medi, può darsi che non abbiate bisogno di perdere altro peso.

SUSAN BOWERMAN
Consulente Nutrizionale Herbalife